Un giovane Agente di P.P. ha salvato la propria posizione lavorativa grazie all'intervento difensivo dello studio.

Il Ministero della Giustizia, per mezzo di diversi atti prodotti dallo studio a difesa di un giovane Agente di P.P., ha posto fine alle ingiuste vessazioni perpetrate dalla linea gerarchica nei confronti di un proprio dipendente. Non solo, infatti, è stato bloccato un tentativo di…

Dopo dodici anni il Giudice amministrativo ha confernmato in via definitiva l'illegittimità dell'esclusione dall'arruolamento nei Vigili del Fuoco per carenza dei requisiti morali.

Il TAR Lazio ha annullato in via definitiva il provvedimento con cui il Ministero dell'Interno aveva escluso un candidato idoneo dall'assunzione nei Vigili del Fuoco per carenza dei requisiti morali e di condotta.Il giovane ricorrente, infatti, ha ampiamente dimostrato che non vi era stata “una…

La Corte dei Conti ha disposto una CTU per accertare la dipendenza da causa di servizio delle partologie riportate da un Agente di P.S. a seguito di incidente in itinere.

Il Giudice delle pensioni ha ritenuto degne di attenzione le doglianze avanzate da un ex Agente di P.S. avverso il decreto con cui il Ministero dell'Interno ha negato la P.P.O. per le patologie dallo stesso riportate a causa di un grave incidente automobilistico avvenuto in…

A distanza di tredici anni il TAR Lazio ha rilevato l'erroneità della diagnosi medica posta a base della esclusione dall'arruolamento in Polizia Penitenziaria.

A distanza di tredici anni il Giudice amministrativo ha riconosciuto la illegittimità dell'esclusione dal concorso per l'arruolamento nel Corpo di P.P. in quanto “la Commissione non ha esplicitato le ragioni della esclusione del ricorrente e ha indicato solo la lettera P dell'art. 12 DLGVO 443/1990”.…

La Corte di Appello di Perugia riconosce l'equa riparazione per un ricorso amministrativo di durata non ragionevole.

La Corte di Appello di Perugia ha condannato il Ministero dell'Economia e delle Finanze a corrispondere ad un Agente di P.P. una equa riparazione per un ricorso amministrativo durato circa dieci anni. Il Collegio giudicante ha ritenuto che “deve ritenersi sussistente il danno non patrimoniale…

Il Giudice amministrativo ha giudicato illegittima la valutazione del Ministero dell'Interno di un dirigente della P.S. in occasione di uno scrutinio per la progressione in carriera.

Il TAR Lazio ha accolto il ricorso avanzato da un funzionario di P.S. avverso il punteggio attribuitogli in occasione dello scrutinio per merito comparativo per la nomina a primo dirigente. Dopo una accurata attività istruttoria, il Collegio ha accertato il difetto di motivazione rispetto alla…

La Corte dei Conti - Sezione Giurisdizionale Regione Lazio ha ritenuto necessario disporre una CTU per verificare la legittimità del diniego di pensione privilegiata.

La Corte dei Conti di Roma ha ritenuto degni di apprezzamento i rilievi avanzati da un ex Poliziotto Penitenziario nei confronti del provvedimento con cui gli è stata negata la concessione della pensione privilegiata a vita. Trattandosi di questione eminentemente tecnica, il Giudice ha invitato…

Dopo oltre quindici anni il TAR Lazio riconosce il diritto di un candidato escluso dall'arruolamento in Polizia per inidoentità ad essere ammesso in servizio.

Il TAR Lazio dopo oltre quindici anni ha riconosciuto erronea la diagnosi medica di inidoneità al servizio di Polizia espressa dalla competente Commissione ministeriale nei confronti di un candidato escluso dall'arruolamento. Grazie alla pronuncia del tribunale, l'interessato sarà assunto con diritto alla ricostruzione della carriera…

Il Tribunale Ordinario di Ivrea - Sezione Lavoro impone ad una ASL torinese di ritirare una sanzione disciplinare.

Il Giudice del Lavoro di Ivrea ha accolto le doglianze avanzate da un giovane dirigente medico avverso una ingiusta sanzione comminatagli dalla ASL di appartenenza. In particolare, il Giudice adito ha riconosciuto il diritto di critica del dirigente medico anche nei confronti del titolare della…

Il Consiglio di Statoriconosce la illegittimità dell'atto di diniego di trasferimento ex lege 104/1992 del Ministero Interno.

Il Consiglio di Stato ha sospeso il diniego di trasferimento da Roma a Frosinone di un'Assistente della Polizia di Stato in quanto “il provvedimento ministeriale … non contiene concreti riferimenti alle specifiche esigenze di servizio ostative all'accoglimento della domanda dell'appellante” e “nel bilanciamento dei contrapposti…