l'Amministrazione non può omettere di provvedere sulle istanze del proprio dipendente solo perchè pende un ricorso giurisdizionale.

L.V. luogotenente dell'Esercito Italiano, è stato rimosso con perdita del grado a seguito di una condanna per truffa, patteggiata innanzi al Tribunale di Belluno. Avverso il provedimento di rimozione ha presentato ricorso al T.A.R. del Lazio. Al fine di dimostrare la propria innocenza, non essendo…

Giovane escluso dall'arruolamento in qualità di agente della Polizia Penitenziaria per uso di stupefacenti dimostra l'errore diagnostico dell'Amministrazione.

Il T.A.R. Lazio – Sez. 1^ quater, ha annullato con sentenza il provvedimento del Ministero della Giustizia – Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria – che aveva escluso dall'arruolamento nel predetto Corpo un giovane per uso di cannabinoidi. Il giovane, patrocinato dallo Studio legale Parente, ha dimostrato l'errore…

Il T.A.R. Lazio riammette un allievo dell'Esercito Italiano all'Accademia Militare di Modena dopo un anno dall'esclusione.

M.C. è un allievo del primo anno dell'Accademia Militare di Modena, escluso per inattitudine militare a seguito dell'irrogatoria di dieci giorni di consegna di rigore. Il giovane, infatti, si era assentato durante una cerimonia per recarsi alla toilette ed era stato così punito, subendo altresì…

il Consiglio di Stato riforma l'ordinanza del T.A.R. Lazio e sospende il provvedimento di consegna di rigore che aveva comportato per un giovane allievo l'esclusione dalla Scuola Sottufficiali Viterbo.

Il Supremo Organo di Giustizia Amministrativa riforma l'ordinanza del T.A.R. Lazio – Roma, che aveva negato al Sig. F.O. di potere rientrare nella Scuola Sottufficiali di Viterbo. Il giovane era stato denunciato alla Procura Militare di Roma per il reato di simulata infermità, nonchè punito…